News festival ed eventi

Ti trovi qui:HomeFestival ed eventiNewsSvelato il programma del London Korean Film Festival 2017

Svelato il programma del London Korean Film Festival 2017

Ritorna il London Korean Film Festival (LKFF) e, con una roboante presentazione, ha rivelato il programma della 12esima edizione che avrà luogo in una serie di cinema della capitale tra il 16 ottobre e il 19 novembre 2017 per poi spostarsi in tournée per la Gran Bretagna.

Roboante perché la cerimonia di presentazione è stata seguita dal nuovissimo super-action The Villainess a suggellare il tema dello Special Focus di quest’anno, il cinema Noir.
La Corea, che ultimamente è stata protagonista di turbolente e preoccupanti notizie di cronaca e politica, sembra invece essere sempre più forte e ineteressante nel settore cinematografico. Quest’anno l’Opening Gala e il Closing Gala si focalizzano entrambi sulle relazioni sentimentali, ma presentate da un punto di vista non tradizionale. Non una sorpresa quindi che ad aprire il festival sarà Hong Sang-soo con il suo The Day After, già acclamato a Cannes quest’anno, una commedia in bianco e nero di equivoci e mancate opportunità. A chiudere invece la premiere UK di The First Lap, una inusuale storia di coppia girata in stile documentaristico del giovane regista emergente Kim Dae-hwan, che non a caso è stato spesso paragonato allo stesso Hong Sang-soo.
La sezione Special Focus è dedicata, come anticipato, al Korean Noir, genere di cui non mancano eccellenti esempi a cominciare dagli anni ‘60 con il classico cult Black Hair. Ma gli anni d’oro del noir coreano sono stati indubbiamente i Novanta e a questa decade appartiene la parte più forte di questa sezione con Dead End, The Rules of the Game, fino ad arrivare ai giorni nostri passando per gli ormai classici Nowhere to Hide, A Bittersweet Life e New World.
È invece la sezione Cinema Now che avrà il compito di presentare il meglio di questo ultimo anno di cinema coreano. Tra i titoli più intriganti, la premiere europea di Between Seasons, l’orror The Mimic e l‘indie thriller Crime City.
Secondo anno per la sezione Women’s Voices che presenta quattro film narrati dal punto di vista femminile tra cui l’attualissimo Candle Wave Feminists, un documentario sulla vicenda dell’impeachement della presidente Park Geun-hye e l’arresto della sua consigliera Choi Soon-Sil.
Un'interessante occasione per vedere qualcosa di diverso sarà la sezione Indie Firepower che darà spazio al cinema indipendente e ai registi più focalizzati sull’arte. Per i Classics Revisited, il curatore Mark Morris propone una retrospettiva sul regista degli anni ‘80 Bae Chang-Ho con tre dei suoi film e ancora, in programma, una sezione documentari, una di cortometraggi e per finire due animazioni.
Il London Korean Film Festival, partito con molta umiltà dodici anni fa, è diventato, grazie a costanza e dedizione, uno dei più importanti festival dedicati alla Corea. La sua caratteristica è di avere una line-up variata che comprende fianco a fianco titoli nuovi e classici, campioni di botteghino e rari film indipendenti, documentari socialmente impegnati e film per bambini. Anche la selezione di quest’anno rispecchia questa volontà di divulgazione della cultura sudcoreana ad un ampio pubblico e non resta che augurarsi una partecipazione che segua la tendenza ascendente degli ultimi anni.
Potete trovare il programma completo sul sito ufficiale.

Adriana Rosati

Segnata a vita da cinemini di parrocchia e dosi massicce di popcorn, oggi come da bambina, quando si spengono le luci in sala mi preparo a viaggiare.

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni, leggi la Cookies policy.