Extra festival ed eventi: speciali, interviste e approfondimenti

Far East Film Festival 2017: conclusioni

Riflessioni sulla 19esima edizione della kermesse di Udine che ha visto trionfare Naoko Ogigami con Close-Knit e Mad World di Wong Chun. Bilancio positivo, con la sensazione di aver partecipato a una sorta di happening di 10 giorni che vede rinsaldare ogni anno di più la simbiosi degli appassionati con la rassegna

Far East Film Festival 2017: diario del Day 8

In attesa del gran finale con la cerimonia di premiazione, la kermesse di Udine ha proposto The Sleep Curse, lavoro molto atteso per il riformarsi della coppia Herman Yau-Anthony Wong. L’ottava giornata ha visto transitare sugli schermi anche Soul on a String di Zhang Yang, Die Beautiful di Jun Robles Lana e Hide and Seek di Liu Jie

Far East Film Festival 2017: diario del Day 6

Il grande cinema hongkonghese del passato irrompe sugli schermi del Far East Film Festival, con la proiezione del restauro in 4K di Made in Hong Kong di Fruit Chan. La sesta giornata ha fatto registrare anche un interessante incontro con Feng Xiaogang e la proiezione di Extraordinary Mission di Alan Mak e Anthony Pun, Hamon: Yakuza Boogie di Syoutarou Kobayasi e Fabricated City di Park Kwang-hyun  

Far East Film Festival 2017: diario del Day 5

Gelso d'Oro alla carriera a Feng Xiaogang che presenta il bellissimo I Am Not Madame Bovary nel quinto giorno di programmazione della kermesse di Udine. Love and Other Cults di Eiji Uchida, The Last Princess di Hur Jin-ho, My Uncle di Nobuhiro Yamashita e Seclusion di Erik Matti gli altri titoli della giornata
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni, leggi la Cookies policy.