Extra festival ed eventi: speciali, interviste e approfondimenti

Francesco Siciliano

Francesco Siciliano

URL del sito web:

Programma Mostra del Cinema di Venezia 2017: la configurazione Barbera

Presentato a Roma il cartellone di Venezia 74: tra scommesse che strizzano l’occhio agli Oscar, alcune certezze in ambito autoriale e qualche azzardo forse di troppo, il direttore Alberto Barbera punta molto sul richiamo dei film statunitensi e sulla rinascita del cinema italiano, con una selezione che vede predominare USA e Italia senza però rinunciare ad intercettare alcuni titoli molto attesi fuori dai soliti steccati
  • Pubblicato in Extra
  • 0

Far East Film Festival 2017: intervista a Sabrina Baracetti

La direttrice del Far East Film Festival ci parla della 19esima edizione della rassegna dedicata al cinema popolare orientale, che si svolgerà a Udine fino al 29 aprile. Un festival che sarà “elettrico” come ci confessa la Baracetti: “Ci piace pensarlo come un evento che crea un corto circuito: la normalità quotidiana si blocca e il buio in sala del FEFF inghiotte tutto e tutti per nove giorni”
  • Pubblicato in Extra
  • 0

Roma 2016: È qui la festa? No

Al di là dei dati trionfalistici che hanno fatto registrare numeri positivi nella partecipazione di pubblico e stampa, la realtà ci dice che la rassegna romana è la riproposizione del già visto: altro che festa internazionale, meglio chiamarla esposizione
  • Pubblicato in Extra
  • 0

Afterimage - Recensione (Festa del Cinema di Roma 2016)

Il testamento artistico di Andrzej Wajda nel racconto degli ultimi anni di vita del pittore Wladyslaw Strzeminski, emarginato e impossibilitato a lavorare perché non allineatosi ai dettami del regime comunista sovietico nel secondo dopoguerra in Polonia: cinema come testimonianza storica e riflessione sul ruolo dell’arte nella forma migliore a cui ci ha abituati il regista polacco

Neruda - Recensione

Neruda - Film - 2016 - Pablo Larrain - RecensionePablo Larrain racconta Pablo Neruda: poeta, comunista, ‘libertino’, in fuga dalle grinfie del governo autoritario di Videla che lo vuole in carcere. Non chiamatelo biopic: il regista cileno supera i confini del racconto biografico per una riflessione sul ruolo dell’artista nei mutamenti della società e sul cinema come spazio dell’immaginario
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni, leggi la Cookies policy.