Recensioni film ai festival, in home video, streaming e download

Ti trovi qui:HomeCinema e dintorniFuori sala

Betrayal (Venezia 69 - In concorso)

Una immagine tratta da IzmenaIl giovane regista russo Kirill Serebrennikov firma un film, selezionato per il Concorso della 69° Mostra del Cinema di Venezia, che parla di tradimento, rapporti di coppia, felicità, infelicità, ma soprattutto di cuore

Shark 3D (Venezia 69 - Fuori concorso)

Una immagine tratta dal film Shark 3DUno squalo va a caccia di giovani esche umane intrappolate in un supermercato allagato da uno tsunami. Il primo film d'azione della storia del cinema australiano fa un po' di paura e fa soprattutto ridere e sorridere con leggerezza

Ashes of Time Redux

Una immagine tratta da Ashes of Time ReduxIl capolavoro di Wong Kar-Wai, parzialmente revisionato ma soprattutto salvato dalle grinfie del tempo, ci porta in mondi e spazi che il genere, il pubblico, il cinema hanno quasi dimenticato: le lande dell’anima, il luogo da cui nessuno può fuggire. Mai

Botched

Una immagine tratta da BotchedIvan il Terribile è tra noi. Sanguinario, effeminato e forte più che mai. Aspetta le sue vittime sacrificali nel piano nascosto di un grattacielo. Originale flop ridicolizzabile?

Zift

Una immagine tratta da ZiftPiù merda c'è minore è il danno: questo l'assunto del film. Il bulgaro Javor Gardev, alla sua opera prima (il film è del 2008), giocando col noir racconta del recente passato del proprio paese

Denti

Una scena tratta da DentiUn film di fantascienza in cui tutto ruota attorno al sesso ma che al tempo stesso risulta assolutamente non eccitante. Novanta minuti in cui la perpetua ed immutabile ripetizione sequenziale di full-frontal maschili, vulve dentate, evirazioni, glandi putrefatti rosicchiati e bigottismo religioso Vs evoluzionismo spiccioli la fanno da padroni. Noia a palate?

The Bunny Game

Una immagine tratta da The Bunny GameUn'ora ed un quarto di violenze sessuali, umiliazioni psico-fisiche, giochi feticisti e variegato di torture, è ciò che di più potenzialmente noioso si possa concepire. E non c'è niente di peggio della noia. Perché allora The Bunny Game sì e quasi tutti gli altri no?
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni, leggi la Cookies policy.