News, recensioni, approfondimenti sul cinema asiatico

Ti trovi qui:HomeCinema e dintorniAsia

Melancholic - Recensione (Far East Film Festival 2019)

Un piccolo film costruito con pochi soldi e tante buone idee. Un mashup di stili e generi. Una bizzarra opera prima, tra commedia e dramma con venature noir, che porta all’attenzione un nuovo autore giapponese da tenere d’occhio per il futuro: Seiji Tanaka. Vincitore del premio Gelso Bianco come miglior opera prima o seconda della selezione ufficiale del Far East Film Festival 2019

Hidden Man - Recensione

Terzo lavoro di Jiang Wen incentrato sul periodo storico della prima Repubblica cinese, Hidden Man presenta meno spunti sociali (anche contemporanei) e più action, imponendosi come spy story pirotecnica, divertente e formalmente impeccabile

Dead Souls - Recensione

Con Dead Souls Wang Bing torna al documentario monumentale e al periodo storico, quasi cancellato, dei campi di rieducazione della Campagna anti-destra dei tardi Anni '50: il film è un sentito e prezioso documento storico che fa luce e rende dignità alle numerose vittime

Project Gutenberg (Mo seung) - Recensione

Action thriller piuttosto atipico per il cinema di Hong Kong, Project Gutenberg si costruisce su una buona miscela tra canoni classici e scelte più originali con un finale convulso che capovolge in continuazione le prospettive

I figli del fiume Giallo - Recensione

Prosegue lo studio di Jia Zhangke sulla società cinese sottoposta a cambiamenti traumatici e alle conseguenze sulle persone: sintesi dei due lavori precedenti e al contempo evoluzione delle tematiche wuxia applicate all'epoca moderna, il film è l'ennesima prova di sensibilità e di umanesimo del regista cinese
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni, leggi la Cookies policy.