News serial

The Walking Dead senza limiti: ancora un record

Abbiamo passato un inverno intero a raccontarvi di quanti record stesse battendo la 'nuova' serie della AMC The Walking Dead. Nuova tra virgolette, perché ormai la serie ha tagliato il traguardo della quarta stagione, il che la rende ormai una delle serie più consolidate del panorama americano.

Domenica scorsa è andato in onda il primo episodio della nuova stagione, la quarta appunto, partendo subito con il botto. 16,1 milioni di spettatori, di cui 10,4 milioni nella fascia 18-49. The Walking Dead batte se stesso, distruggendo letteralmente il proprio record precedente registrato durante l'ultima puntata della terza stagione, fatto di 12,4 milioni di spettatori. Nessuno poi sta calcolando gli spettatori delle reti straniere, come l'Italia, grandissima appassionata degli zombie della AMC, tanto che la quarta stagione ormai va in onda a distanza di 24 ore dalla messa in onda americana su Fox. E ancor meno l'incredibile quantità di spettatori che scaricano a poche ore d'uscita l'episodio più o meno legalmente.
Non diciamo una eresia se pensiamo che nel complesso, The Walking Dead potrebbe aver fatto tranquillamente una 20ina abbondante di milioni di spettatori per questa prima puntata.
Il presidente della AMC logicamente gongola, visti i risultati, ma non si dimentica di ringraziare tutti, dai telespettatori ai cameraman: "Ringraziamenti sinceri a tutti coloro che hanno dato il bentornato a The Walking Dead facendo registrare il più alto numero di telespettatori nella storia degli show televisivi. Tutto questo è possibile grazie a chi ci segue, all'incredibile crew di persone che lavora dietro le telecamere e ad un cast di persone eccezionali".
Giusto merito ad una serie clamorosa che ha ricominciato con il botto (tranquilli, non vi spoileriamo nulla, ma vi consigliamo fortemente di andarla a vedere con una certa fretta). Ora starà a loro mantenere questi standard qualitativi! In bocca al morto!

Vai alla scheda della serie

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni, leggi la Cookies policy.