Recensioni film in sala

Ti trovi qui:HomeCinema e dintorniIn salaFinché morte non ci separi - Recensione

Finché morte non ci separi - Recensione

Una dark comedy dal ritmo incalzante che ha saputo trovare un equilibrio non comune tra commedia e horror

Una o due volta l’anno, quasi per scusarsi con il pubblico della paccottiglia proposta abitualmente, il cinema mainstream, invece del solito clone per riempire il bouquet di offerte delle multisala, propone delle opere che, pur appartenendo al genere (horror, in questo caso), hanno un taglio obliquo o innovativo. In alcuni casi ci sono state delle vere e proprie rivelazioni di talenti, penso a Jordan Peele di Scappa! o al virtuoso Ari Aster di Hereditary.
Finché morte non ci separi della coppia Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett fa parte di questi miracoli minori, un film piccolo, costato solo (sic) 6 milioni di dollari e che ne ha già incassati 36.
Grace, una bella ragazza di povere origini sta per sposare Alex, il giovane erede dei Le Domas, un’eccentrica famiglia che si è arricchita enormemente quando il bisnonno, con l’aiuto di un misterioso mecenate di nome Mr. Le Bail, è entrata nell’industria dei giochi di società. La cerimonia si svolge nel grande parco di fronte alla villa dei magnati. Al termine, quando tutti gli invitati se ne sono andati, la sposa scopre che, per essere accettata in seno alla famiglia, dovrà sottoporsi a un piccolo rituale: scegliere una carta da un’antica scatola di legno e giocare al gioco che la carta avrà indicato. Il titolo originale del film (Ready or not) dice già di che si tratta: nascondino. Lei si dovrà nascondere nella villa e tutti i Le Domas (due suoceri, cinque cognati e una terribile zia) le daranno la caccia. Scoprirà presto che la caccia è mortale e che dovrà fare di tutto per sopravvivere fino all’alba.
Se la trama non vi sembra particolarmente originale, avete ragione. Di cacce all’uomo all’ultimo sangue è piena la cinematografia, anche non specificamente horror (I tre giorni del Condor, tanto per citarne uno). Ciò che questo quartetto (i due registi e i due sceneggiatori: Guy Busick e R. Christopher Murphy, tutti specialisti del genere) hanno messo in piedi è una ben calibrata macchina d’intrattenimento che ha, di innovativo, una miscela di dark comedy e horror che strappa a più riprese la risata, mantenendo comunque altissima la tensione narrativa. La bizzarra ma micidiale famiglia, con l’arcigna zia (Nicky Guadagni) e la maldestra figlia cocainomane in testa (Hanneke Talbot), è buffissima nel tentativo di assolvere la propria eredità assassina (scopriremo che la caccia è un rituale imposto dal patto tra il bisnonno e Mr. Le Bail, pena la morte di tutti), non di meno i cadaveri si moltiplicano e la caccia è senza quartiere.
Bravissima e bella la protagonista, Samara Weaving, nel conferire al suo personaggio la giusta dose di spaesamento prima e adrenalinica aggressività nel seguito. Bravi ancora i due registi che in coppia, evidentemente, hanno compiuto quello che tante volte si rimprovera alle menti solitarie di non fare: un ottimo lavoro di lima sul girato, eliminando ogni tempo morto e imprimendo un ritmo alla storia che non lascia il tempo di pensare alle rughe e alla mediocre performance di Andie MacDowell o agli immancabili comportamenti poco credibili che di solito infestano questo genere di film (qui pochi, in verità).

Una curiosità: sembra che dobbiamo a Donald Trump, il piacere di aver visto l’uscita di questo film. La Universal ne aveva già pronto un altro (The Hunt), che parlava di una partita di caccia organizzata da un gruppo di potenti appartenenti al famoso 1% della popolazione mondiale (quello che detiene più ricchezza del restante 99%) ai danni di un gruppo di poveracci. La trama non è piaciuta tanto al presidente twittatore e la casa di produzione ha fatto marcia indietro, preferendo un altro soggetto dove comunque i ricchi ne escono malconci e sbeffeggiati ma, evidentemente, meno politicamente disprezzabili rispetto all’altro.




Il nostro giudizio: Il nostro giudizio è 3.5

  Vai alla scheda del film
  Trailer del film


Video

Altro in questa categoria: « Le verità - Recensione

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni, leggi la Cookies policy.