News, recensioni, approfondimenti sul cinema asiatico

Lupin III - Il film - Recensione

Lupin III - Film - 2014 - Recensione L'adattamento live action di Lupin conferma la bassa qualità cinematografica alla quale sembrano condannati i mitici personaggi di manga e anime nella loro versione in carne e ossa

Alla temibile operazione live action non sfugge nemmeno Lupin. L'inafferrabile ladro dalle lunghe basette era già evaso dalle gabbie delle pagine pensate dal suo creatore, il mangaka Monkey Punch, per muoversi liberamente nello spazio animato di serie di grande successo e anche di alcuni bellissimi lungometraggi come Il castello di Cagliostro firmato dal genio Hayao Miyazaki. Adesso salta nel mondo reale, trasfigurato dal cinema fatto con attori in carne e ossa. Acquista sembianze veramente umane, quelle della star giapponese Shun Oguri, e arriva nelle sale.
La storia si concentra su Lupin III, nipote del celebre Arsenio Lupin e universalmente riconosciuto come uno dei ladri più famosi del mondo. Tanto da far parte dell’organizzazione The Works. A capo di questo gruppo di ladri c'è il veterano Dawson, ucciso però da una banda di criminali nel corso di una rapina che ha come obiettivo un'antica collana custode della preziosa pietra Cuore rosso cremisi di Cleopatra. Lupin e i suoi amici - l'infallibile pistolero Jigen, il maestro con la katana Goemon e l'affascinante Fujiko - dovranno espugnare L’Arca di Navarone, la gigantesca cassaforte di massima sicurezza in cui il gioiello è custodito.
Per chi è cresciuto con gli episodi delle serie animate, vedere gli adattamenti in film con attori produce sentimenti contrastanti. Da una parte c'è la curiosità di vedere adattati i personaggi tanto amati, dall'altra la paura di veder rovinato quel ricordo da film non all'altezza. Paura spesso confermata dalla bassa qualità di molte trasposizioni cinematografiche di vecchi anime entrati nel cuore come un pezzo di infanzia e adolescenza al quale si resta sempre legati. Lupin, purtroppo, non diventa un'eccezione. E quasi vien da rimpiangere quell'assurdo adattamento del 1974, poco conosciuto, così trash da diventare in qualche modo di culto: La strategia psicocinetica. Qua di cinetica c'è l'azione, concitata, esagerata. E quindi annoiante. Anche perché le scene non sono nemmeno troppo esaltanti e la regia di Ryuhei Kitamura non regala particolari guizzi. Insomma, la via è quella dell'action movie che finisce per perdere di vista il cuore del racconto, quei personaggi già ben delineati nell'immaginario collettivo dalla visione degli episodi che compongono le serie tv continuamente riproposte nel corso degli anni.
Evocano davvero poco i personaggi. Lupin è in pratica riconoscibile solo per la consueta pistola semiautomatica Walther P-38 e le giacche, verde e rossa (fortunatamente evitata quella rosa che caratterizza la pessima terza serie animata), Fujiko non è particolarmente sensuale, Jigen e Goemon sono appena e malamente accennati. Il meno peggio alla fine risulta l'ispettore Zenigata, interpretato da un attore di grande livello come Tadanobu Asano. Così qualche bel sussulto arriva soltanto da un inseguimento che rispolvera la mitica 500 gialla e dagli indovinati titoli di coda. Piccoli brividi di effetto nostalgia tra le secche delle due ore abbondanti di visione.

Dunque l'adattamento di Lupin, anche se in fondo meno peggio di altri live action, conferma la bassa qualità cinematografica alla quale sembrano condannati i mitici personaggi di manga e anime nella loro versione in carne e ossa.


Il nostro giudizio: Il nostro giudizio è 1

  Vai alla scheda del film
  Trailer del film


Video

Fabio Canessa

Viaggio continuamente nel tempo e nello spazio per placare un'irresistibile sete di film.  Con la voglia di raccontare qualche tappa di questo dolce naufragar nel mare della settima arte.

2 commenti

  • Fabio  Canessa
    Fabio Canessa Lunedì, 29 Febbraio 2016 19:39 Link al commento Rapporto

    Grazie Roby del commento.
    Sui personaggi intendevo più che altro la caratterizzazione. Per esempio Jigen ha, per come lo ricordiamo, quel fascino da taciturno che si poteva rendere meglio a mio avviso. E
    Fujiko si poteva rendere più esuberante, al di là dell'aspetto fisico.
    Sui live action: ci sono dei buonissimi film tratti da manga, firmati anche da grandi registi. Ma il riferimento era soprattutto a live action che ci portano alla memoria anime
    molto noti anche in Italia. E io fatico a ricordarne di meritevoli: ho trovato pessimo per esempio quello di Rocky Joe che visto la storia così ricca di sfumature e uno sport
    cinematografico come la boxe poteva essere una bella occasione. Da dimenticare film di Death Note, leggermente meglio la trasposizione di Sanpei. Sono alcuni esempi. Forse
    dietro c'è anche il pregiudizio, l'amore nostalgico per gli anime, l'aspettarsi troppo.
    Grazie comunque della tua attenzione e delle osservazioni.

  • Roby
    Roby Domenica, 28 Febbraio 2016 07:49 Link al commento Rapporto

    Ryuhei Kitamura è un regista di cinema d'azione e si vede dalle troppe sparatorie, sicuramente il difetto più grande è stato questo. Le somiglianze fisiche ci sono, non si possono pretendere dei perfetti sosia, gli altri erano disegni. Suppongo abbiano basato le loro scelte anche sulle capacità recitative.
    Comunque non è vero che la qualità dei live action è sempre scadente, in Giappone ne producono di continuo, ma da noi ne arriva uno ogni mezzo secolo, non circola e viene doppiato male. I doppiatori dovrebbero venire adattati agli attori e non presi i soliti della serie animata. Il pubblico italiano non è abituato a questo tipo di adattamenti e si trova di fronte attori che non ha mai visto, con voci inadatte. Il film dovrebbe essere godibile per chiunque e non essere un prodotto di nicchia dove vecchi fan vanno a fare le pulci: 'Zenigata è troppo basso', 'Jigen è troppo giapponese', 'Fujiko ha poche tette'. Suppongo che sia questo che intendevi per poco sensuale. Ma un'attrice con le stesse proporzioni di Fujiko che abbia un po' di formazione come artista marziale e qualche dote acrobatica dove avrebbero dovuto cercarla?

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni, leggi la Cookies policy.